top of page

Teoria del colore per la pittura: una questione di interazione tra i pigmenti

Aggiornamento: 7 dic 2023

Quante volte avete mescolato i vostri colori primari nella speranza di ottenere l'immaginato arancione brillante o il viola perfetto e invece avete ottenuto solo colori confusi?

Fin dai tempi della scuola ci viene insegnato che i colori primari sono il rosso, il giallo e il blu e che mescolando questi colori si possono ottenere tutti gli altri. Ma più usavo solo questi tre colori, più mi deludevo e mi rendevo conto che si trattava di una tavolozza molto limitata e che non mi dava i risultati sperati. Ad esempio, prendendo il colore Viola (blu + rosso), non importava quale rosso o blu usassi. Non sono mai riuscito a creare un bel viola, ma solo un tono confuso.

Poi ho fatto qualche ricerca per esplorare il modo in cui funzionano i colori ed ho scoperto che esiste una particolare teoria del colore per la pittura.


Colori primari da colori secondari: un esperimento dalla teoria dei colori per la pittura.

Cosa pensereste se vi dicessi che i colori primari possono essere ricreati mescolando i colori secondari?

Istintivamente direste che è impossibile, perché a scuola abbiamo imparato che i colori primari sono solidi e non possono essere ricreati.

Tuttavia, ho scoperto che le regole standard della teoria del colore non sono sufficienti nel caso degli acrilici (o delle vernici a base di pigmenti) per comprendere il comportamento di miscelazione dei colori. È necessario considerare anche l'interazione tra i pigmenti.

Me ne sono resa conto quando mi sono imbattuta in un video su YouTube dell'artista Cesar Cordova, in cui spiegava che possiamo ricreare qualsiasi colore primario a partire dai suoi colori secondari. All'inizio ho pensato: "Com'è possibile? Per tutta la vita ero stato convinto che i colori primari non potessero essere ricreati mescolando altri colori. Mi sbagliavo?


Nel suo tutorial ha spiegato che quando si mescolano i colori secondari, bisogna analizzare i singoli componenti.


Prendiamo come esempio il colore giallo.


Tutti sappiamo che i colori secondari del giallo sono l'arancione (giallo+rosso) e il verde (giallo+blu). Allo stesso modo, sappiamo che quando si mescolano tutti e 3 i colori primari, si ottiene il colore bianco, perché i colori primari si neutralizzano a vicenda.


Pertanto, quando si mescolano arancione e verde si verifica quanto segue:

  1. La componente blu del verde si comporta come un complemento dell'arancione e viene neutralizzata;

  2. La componente rossa dell'arancione si comporta come un complemento del verde e viene neutralizzata;

  3. Rimane quindi la componente gialla, che ci dà la possibilità di recuperare un colore primario.


Allo stesso modo, possiamo procedere per il blu o per il rosso.


Per il rosso, possiamo usare l'arancione e il violetto e verificare quanto segue:

  1. La componente blu del viola si comporta come un complementare dell'arancione e viene neutralizzata;

  2. La componente gialla dell'arancione si comporta come complementare del viola e si neutralizza;

  3. La componente rossa rimane e ci dà la possibilità di recuperare un colore primario.


Con il blu, è possibile utilizzare il verde e il viola e verificare quanto segue:

  1. La componente rossa del viola si comporta come un complemento del verde e viene neutralizzata;

  2. La componente gialla del verde si comporta come complementare del viola e viene neutralizzata;

  3. La componente blu rimane e ci dà la possibilità di recuperare un colore primario.


La ruota dei colori dell'artista e la sua applicazione

Come ha spiegato Cesar Cordova, il punto di partenza di questa nuova prospettiva è un'altra ruota dei colori, la "Ruota dei colori dell'artista" (Artist's Colour Wheel) di Bruce MacEvoy.

Questo tipo di ruota dei colori, sviluppata per comprendere meglio il comportamento degli acquerelli, offre un approccio diverso per imparare a mescolare i colori.

Il punto di partenza sono i pigmenti contenuti nella pittura acrilica che andremo a utilizzare e la loro posizione sulla ruota dei colori. Dopo averli definiti, tracciamo una linea tra loro sulla ruota dei colori e vediamo che tipo di colore otteniamo quando li mescoliamo:


  • Se la linea passa per il centro, otterremo un colore grigio/opaco perché i pigmenti sono complementari tra loro.

  • Se la linea che unisce i pigmenti non passerà per il centro, otterremo un colore finale in una delle tonalità attraverso cui passa la linea.

  • Se si mescolano più di due pigmenti (come nel nostro esperimento per ricreare il giallo qui sotto), il colore finale si troverà all'interno dello spazio creato dalle linee di collegamento tra i pigmenti e, a seconda della quantità di ciascun pigmento presente nella miscela, il colore tenderà verso il pigmento presente con la quantità maggiore.


Ruota dell'artista di B.MacEvoy
Artist Colour Wheel B.MacEvoy


Per testare la veridicità di tale procedimento ho utilizzato i seguenti colori:

  • Violet (Arteza - Pigmento contenuto PV23)

  • Permanent Blue-Violet (Amsterdam Royal Talens - Pigmenti contenuti PV23/PV19)

  • Cadmium Orange Hue (Liquitex Basic - Pigmento PO73)

  • Vermilion (Amsterdam Royal Talens - Pigmenti contenuti PO34/PY74)

  • Brilliant Yellow Green (Liquitex Basic - Pigmenti contenuti PW6/PY3/PY74/PG7)

  • Greenish Yellow (Amsterdam Royal Talens - Pigmenti PY74/PG7)

  • Brilliant Green (Amsterdam Royal Talens - Pigmenti PG7/PY74)

  • Phthalo Green (Amsterdam Royal Talens - Pigmento PG7)


I risultati ottenuti sono stati i seguenti:

  • nel caso del blu, come indicato nella ruota dei colori dell'artista, dalla mescolanza dl pigmento PG7 e del pigmento PV23 o dei pigmenti PV23/PV19 si otterrà un blu scuro con una nota violacea simile all'indaco;

  • nel caso del rosso, come indicato nella ruota dei colori dell'artista, dalla mescolanza dl pigmento PO73 e del pigmento PV23 o dei pigmenti PV23/PV19 ho ottenuto un rosso violetto;

  • nel caso del giallo, come indicato nella ruota dei colori dell'artista, dalla mescolanza dl pigmento PO73 e dei pigmenti PY74/PG7 ho ottenuto un colore che varierà dai toni del giallo ocra all'ocra oro a seconda della quantità di pigmento giallo contenuta nei colori di partenza.




Conclusioni

In sintesi, quando si tratta di dipingere con colori a base di pigmenti, non bisogna limitarsi alla teoria classica del colore.

Come si è visto, i pigmenti si comportano in modo diverso rispetto alle regole standard dei sistemi cromatici RYB o CMY(K) e, anche se non è possibile riprodurre i colori primari nella loro forma pura (rosso, giallo, blu) con questo metodo, possiamo ottenere dai colori secondari tonalità che si avvicinano molto ai colori primari.

In ogni caso, nel caso della tecnica di colata acrilica, questa ruota ci permette di selezionare meglio i nostri colori in base ai pigmenti che contengono, evitando possibilmente la formazione di colori neutri o fangosi che sminuirebbero la brillantezza della nostra opera d'arte.


Spero di avervi aiutato e ispirato a sperimentare e trovare nuovi colori.


Grazie per aver letto. Se vi piace il post, lasciate un like, un commento e non dimenticate di seguire il mio blog e Instagram e di condividere il contenuto sui vostri social media.


Buona giornata colorata e creativa!


Laura



Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page