top of page

Alizarina, Azo, Cadmio, Chinacridone, Ftalocianina: l'affascinante mondo delle Famiglie dei Pigmenti


Pigments
Pigments - Image by Alena Darmel (pexel.com)

Una delle cose che mi ha sempre affascinato guardando i colori acrilici sono i pigmenti e i loro nomi particolari, a volte molto difficili da pronunciare.


In questo post parlerò dei più importanti gruppi o famiglie di pigmenti assorbenti in termini di storia e modalità di produzione.


Come ho scritto nei miei post precedenti sulle vernici acriliche e sui pigmenti, i pigmenti assorbenti sono uno dei componenti delle vernici acriliche (insieme a un legante acrilico e all'acqua) e sono i responsabili del colore delle vernici, poiché sono possono assorbire una particolare lunghezza d'onda della luce e riflettere quella che percepiamo come la loro tonalità. I pigmenti di assorbimento possono essere organici o inorganici e possono essere prodotti naturalmente o sinteticamente.


Nel corso della storia i colori sono stati ottenuti con pigmenti che a volte risultavano troppo volatili o, nei casi peggiori, addirittura mortalmente tossici per la salute umana (ad esempio il pigmento utilizzato per produrre il colore verde conteneva arsenico).


Oggi i pigmenti pericolosi sono stati per lo più sostituiti da versioni sintetiche (e talvolta anche migliori per scopi artistici) e, a seconda del modo in cui si ottengono i pigmenti o della materia prima utilizzata, i pigmenti assorbenti possono essere suddivisi in cinque diverse famiglie di pigmenti:


  • Pigmenti di alizarina

  • Pigmenti azoici

  • Pigmenti di cadmio

  • Pigmenti chinacridone

  • Pigmenti ftalocianina


Famiglie dei pigmenti

Pigmenti di alizarina

L'alizarina è un composto organico utilizzato come colorante per tessuti e ottenuto dalla pianta della robbia (la stessa pianta utilizzata per produrre pigmenti lacustri come la rosa robbia e l'alizarina cremisi). Anche se viene spesso utilizzato per indicare un rosso molto intenso, la sua gamma cromatica può variare dal rosa, al viola, al marrone, a seconda del mordente utilizzato per creare la tintura. In passato era conosciuto anche con il nome di “rosso tacchino” per via del processo di lavorazione più comune proveniente da quel paese.

Fino al XVIII secolo l'alizarina veniva prodotta naturalmente dalla radice di robbia, che conteneva due componenti rossi, porpora e alizarina cremisi. Poi, nel 1868, i chimici tedeschi Carl Graebe e Carl Liebermann, dopo molti esperimenti, scoprirono che l'alizarina poteva essere ottenuta sinteticamente utilizzando l'antracene. Questo nuovo metodo, meno costoso di quello che utilizzava la radice di robbia, divenne da un giorno all'altro quello standard utilizzato per produrre il colorante e il pigmento alizarina fino al 1958, quando iniziò ad essere sostituito dai pigmenti chinacridone più resistenti alla luce sviluppati dal chimico DuPont.


Pigmenti azoici (AZO)

I pigmenti azoici (AZO) sono pigmenti organici insolubili che contengono almeno un gruppo azotato. Sono simili nella composizione ai coloranti azoici, sono resistenti alla luce e la loro gamma di colori può variare dal giallo, arancione, rosso al marrone, anche se praticamente tutti i colori erano possibili (il colore blu e verde sono sostituiti dai migliori e più economici pigmenti ftalo) .



Examples of AZO-pigments based acrylics


Pigmenti a base di Cadmio: Giallo, Arancio, Rosso

Come suggerisce il nome, la famiglia dei pigmenti di cadmio comprende pigmenti inorganici contenenti cadmio, un raro metallo tenero, simile allo zinco, il cui utilizzo come pigmento commerciale è iniziato quando è stato scoperto come sottoprodotto del processo di raffinazione dello zinco.

Il termine “cadmio” deriva originariamente da entrambi: la parola latina “Cadmia” usata da molti naturalisti per indicare varie terre e ossidi e quella greca “kadmeia”. Il cadmio è un metallo utilizzato per la produzione sia di batterie che di pigmenti colorati. Anche in piccole quantità e se respirato, è un metallo molto tossico sia per l'uomo che per gli animali. Per questo motivo in molti materiali artistici cominciò ad essere sostituito da altri pigmenti.

Esistono tre categorie di pigmenti a base di cadmio, a seconda della sostanza aggiunta al solfuro di cadmio: giallo (con l'aggiunta di solfuro di zinco), arancio e rosso (con l'aggiunta di solfuro di selenio). Hanno un'elevata brillantezza, un colore forte e una buona resistenza alla luce, ma sbiadiscono molto velocemente se esposti alla luce.


Giallo Cadmio

Il pigmento giallo a base di solfuro di cadmio più importante è il giallo di cadmio PY37.

Il pigmento giallo cadmio varia da chiaro, medio e profondo. La tonalità chiara è solitamente chiamata Cadmium Yellow Lemon; il più scuro giallo cadmio profondo.

Il pigmento giallo cadmio fu scoperto per la prima volta nel 1817 dal chimico tedesco Friedrich Stromeyer, il quale osservò che il metallo cadmio combinato con lo zolfo di zinco creava un composto giallo. Prima di allora il principale pigmento giallo utilizzato dagli artisti era “Orpimento” (PY39), dalla parola latina “auripigmentum” che significa “pigmento d’oro”. Questo è stato sostituito dal giallo cadmio per la sua elevata tossicità (contiene arsenico).


Arancio Cadmio

Il secondo colore della famiglia del cadmio è l'arancione, la cui produzione iniziò dopo il 1820. L'arancione di cadmio (PO20) è un colore brillante, caldo e opaco e una variazione del giallo di cadmio, dove gli elementi utilizzati per produrre il giallo sono combinati in modo diverso per prendere l'arancia.


Rosso Cadmio

Il rosso cadmio (PR108) è il terzo colore della famiglia dei colori. Fu sviluppato intorno al 1919 e ottenuto aggiungendo solfuro di selenio al solfuro di cadmio. È un rosso molto forte, caldo e opaco e, a partire dal XX secolo, ha sostituito il caratteristico ma tossico vermiglio. Può avere variazioni leggere, medie e profonde.

All'inizio il rosso cadmio veniva prodotto riscaldando il giallo cadmio insieme al selenio. Al giorno d'oggi la produzione del pigmento rosso è molto costosa e il pigmento stesso è il risultato finale di numerose reazioni chimiche controllate che coinvolgono ingredienti come acidi minerali, scaglie di solfuro di sodio, acqua e selenio.


Colori senza cadmio

A causa di possibili problemi di tossicità, c'è una nuova tendenza a sostituire i colori al cadmio con alternative senza cadmio, che restituiscono la stessa tonalità utilizzando diverse combinazioni di altri pigmenti. Esempi di acrilici senza cadmio si trovano nella serie Heavy Body di Liquitex.


Pigmenti di chinacridone

Il chinacridone è un composto organico industriale e la base per i pigmenti chinacridone. I pigmenti di chinacridone, scoperti nel 1935 e standard per la produzione di vernici dal 1958, sono molto apprezzati dagli artisti per la loro intensità di colore, la loro stabilità e la loro resistenza alla luce, al calore e ai solventi. La sua tavolozza di colori può variare dal viola al rosa, rosso, marrone fino all'oro.


I pigmenti chinacridone più importanti sono:

  • Chinacridone magenta (PR122). Il colore Quinacridone Magenta, un rosa intenso con una sfumatura viola, è prodotto utilizzando il pigmento PR122 Quinacridone Magenta o il pigmento PR202 Quinacridone Crimson. Sviluppato come sostituto dei colori alizarina, è un colore altamente trasparente, senza lunghezza d'onda e un ponte tra i colori rosso e viola.

  • Rosa chinacridone/viola chinacridone (PV19). Il pigmento PV19 può variare da una tonalità rosata a una tonalità violacea. Nel primo caso (Quinacridone Rose) viene solitamente utilizzato come sostituto della rosa robbia e prende il nome di Permanent Rose. Nel secondo caso (Violetto di Chinacridone) il pigmento utilizzato è più rosso-violaceo magenta.

  • Rosso chinacridone (PR209). Il colore rosso chinacridone può variare dal rosso-arancio (PR209) al chinacridone scarlatto più rosato (PR207).

  • Chinacridone marrone rossiccio (chinacridone scarlatto bruciato PR206)

  • Rosa chinacridone (PV42)

  • Porpora di chinacridone (PV55)

  • Oro chinacridone (PO48)


Il rosa, il magenta e il viola chinacridone sono meravigliosi per creare i viola se miscelati con il blu oltremare o il blu ftalo (RS). Qui altri modi per utilizzare i pigmenti chinacridone nella miscelazione dei colori.


Pigmenti ftalocianina

L'ultima famiglia di pigmenti di cui parlerò è quella dei Pigmenti Ftalocianina.


I Pigmenti Ftalocianina sono un composto organico a base di ftalocianina rameica, ottenuto dalla reazione di anidride ftalica, urea, rame e ammoniaca, nei colori blu e verde.


  • Blu Ftalo (PB15) è disponibile in una tonalità rossa e verde. Una tonalità rossa è più simile al blu oltremare ed è ottima per ottenere toni più caldi o verdi terra. La tonalità verde, invece, è ottima per ottenere verdi più brillanti.

  • Verde Ftalo, un derivato del blu ftalo, è disponibile nella tonalità blu (PG7) e nella tonalità gialla (PG36). La tonalità blu ha un sottotono blu molto profondo e, se mescolata con il bianco, crea meravigliose sfumature turchesi. La tonalità blu mescolata al cremisi dell'alizarina crea un nero cromatico. Il Verde Ftalo (YS), ottenuto trattando il Blu Ftalo con bromo, è una variante più costosa del Verde Ftalo (BS). Miscelato con il rosso può creare altri neri cromatici interessanti.


Phthalo Blue (Green Shade) and Phthalo Green (Blue Shade)


Spero che questa breve panoramica sulle famiglie di pigmenti vi piaccia e che abbiate imparato qualcosa in più sulla miscelazione dei colori.


Grazie per aver letto. Se vi è piaciuto il post, lasciate un mi piace, un commento e non dimenticate di seguire il mio blog, Instagram e Threads e condividere il contenuto sui vostri social media.


Buona pittura!


Laura


Post correlati

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page