top of page

RYB vs. RGB vs. CMY(K). Qual è il giusto modello di miscelazione dei colori?

Aggiornamento: 30 mar


Modelli di miscelazione dei colori


Quante volte avete mescolato i vostri colori primari sperando di ottenere un arancione brillante o un viola perfetto, ma invece avete ottenuto solo colori confusi?

Fin dai tempi della scuola ci hanno insegnato che i colori primari sono il rosso, il giallo e il blu e che mescolando questi colori si possono ottenere tutti gli altri. Ma più utilizzavo solo questi tre colori, più ero delusa e mi rendevo conto che si trattava di una tavolozza molto limitata e che non dava i risultati sperati. Ad esempio, con il colore viola (blu + rosso) non importava quale rosso o blu usassi, non riuscivo mai a dipingere un bel viola, ma solo un tono desaturato e neutralizzato.

Allora ho fatto una piccola ricerca per scoprire come funzionano i colori ed ecco cosa ho scoperto.


Breve storia della teoria del colore

La prima ruota dei colori fu scoperta da Isaac Newton nel XVIII secolo quando, durante un esperimento, scoprì che la luce poteva essere divisa in sette colori primari (rosso, arancione, giallo, verde, blu, viola, indaco) e ipotizzò che dall'unione di tutti i colori si potesse tornare al bianco.

Negli anni successivi, questa ipotesi si rivelò inesatta e fu Goethe, con la sua opera "Die Farbenlehre" (La teoria dei colori), a eliminare il colore indaco e a riorganizzare i 6 colori rimanenti secondo un principio di complementarità. I colori complementari sono coppie di colori in cui il primo è un colore primario e il secondo è creato dalla combinazione degli altri due colori primari. Questi colori diventano più luminosi se accostati l'uno all'altro. Ne sono un esempio il giallo e il viola, il blu e il blu-arancio, il rosso e il verde. La ruota dei colori di Goethe è considerata il punto di partenza per lo sviluppo della moderna teoria dei colori.


Modelli di miscelazione dei colori additivi e sottrattivi

Quando si parla di sistemi di miscelazione dei colori, è molto importante analizzare come vengono creati i colori secondari.


Modello di miscelazione additiva dei colori

In questo caso, i colori secondari vengono creati sovrapponendo due o più lunghezze d'onda dei colori primari (come avviene nell'occhio umano). Un esempio di questo tipo di sistema di miscelazione è il sistema RGB, che è essenzialmente il funzionamento dei nostri occhi ed è utilizzato negli schermi televisivi.


Modello di miscelazione sottrattiva dei colori

In questo caso, i colori secondari vengono creati sovrapponendo due o più lunghezze d'onda dei colori primari, in modo che ogni colore coinvolto nella miscelazione assorba una particolare lunghezza d'onda e il colore secondario si basi sulla lunghezza d'onda rimanente. Esempi di questo tipo di sistema di miscelazione sono i tradizionali RYB e CMY(K) utilizzati nell'industria della stampa, o il modo in cui i colori vengono miscelati.


Nella sezione che segue verranno approfonditi i diversi modelli di miscelazione dei colori RYB, RGB e CMY(K).



Modelli di miscelazione dei colori: RYB vs. RGB vs. CMY(K)

Fondamentalmente, un sistema di colori (o modello di colore) è uno spazio tridimensionale in cui ogni dimensione è rappresentata da un colore primario e i colori secondari sono tutti i colori presenti in questo spazio e prodotti dalla combinazione di due o tre di questi colori primari.


Modello di miscelazione dei colori RGB (detto anche modello della luce)

Il modello di colore RGB è utilizzato principalmente per gli schermi televisivi e si basa sul modo in cui i nostri occhi percepiscono la luce bianca come una combinazione di tre lunghezze d'onda (rosso, verde, blu) attraverso diversi recettori chiamati "coni". Quando la luce stimola due o più di questi coni in base alla frequenza, i nostri occhi combinano queste frequenze in un'unica frequenza e riproducono il colore secondario corrispondente a quella frequenza. Per questo motivo, i colori primari RGB (rosso, verde e blu) sono chiamati anche colori primari additivi della luce.


I colori secondari della luce e l'intera scala cromatica, che nascono dalla coincidenza di due o più frequenze dei colori primari con intensità diverse, sono:

  • Giallo (rosso+verde),

  • Ciano (blu+verde),

  • Magenta (rosso+blu).


I colori complementari della luce in un modello di colore RGB sono:

  • Rosso - Ciano

  • Verde - Magenta

  • Blu - Giallo


La somma di tutti i colori primari dà come risultato il bianco, mentre la loro assenza totale dà come risultato il nero.


Modello di miscelazione del colore RYB

Mentre il modello di colore RGB è un sistema di colore additivo, il modello di colore RYB è uno dei modelli di colore sottrattivi. È il modello tradizionale che ci viene insegnato fin dall'infanzia ed è il punto di partenza della ruota dei colori di Itten.


Ruota dei colori di Itten

Nel modello cromatico RYB, i colori primari sono il rosso (R), il giallo (Y) e il blu (B), mentre i colori secondari si ottengono mescolando questi colori.


I colori secondari in questo sistema sono:

  • Verde (Giallo+Blu)

  • Viola (Rosso+Blu)

  • Arancione (Giallo+Rosso)


I colori complementari in un modello di colore RYB sono:

  • Giallo - Viola

  • Blu - Arancione

  • Rosso - Verde


La somma di tutti i colori primari dà come risultato il nero, mentre la loro assenza totale dà come risultato il bianco.


Modello di miscelazione dei colori CMY(K)

Mentre il modello di colore RGB è un sistema di colore additivo, il modello di colore CMY(K) è l'altro modello di colore sottrattivo ed è utilizzato principalmente per i dispositivi di stampa.

Nel modello di colore CMY(K), i colori primari sono il ciano (C), il magenta (M) e il giallo (Y) e sono integrati nell'industria della stampa dal nero (identificato dalla lettera K per la chiave). I colori secondari si ottengono sfruttando il modo in cui i pigmenti assorbono le diverse lunghezze d'onda quando vengono mescolati tra loro.

Ad esempio, se mescoliamo il giallo (percepito come la somma di rosso e verde) e il magenta (percepito come la somma di rosso e blu), il colore misto risultante sarà il rosso perché:


  • Il verde contenuto nel giallo viene assorbito e neutralizzato dal suo complemento magenta. Ciò che rimane nel giallo è il rosso;

  • Allo stesso modo, il blu contenuto nel magenta viene assorbito e neutralizzato dal suo complementare, il giallo. Anche in questo caso, ciò che rimane nel magenta è il rosso.


I colori secondari in questo sistema sono:

  • Verde chiaro (giallo+ciano)

  • Arancione chiaro (giallo+magenta)

  • Viola chiaro (ciano+magenta)


I colori complementari in un modello di colore CMY(K) sono:

  • Giallo - Viola chiaro

  • Ciano - Arancione chiaro

  • Magenta - Verde chiaro


La somma di tutti i colori primari dà il nero, la loro assenza totale dà il bianco.


Modelli di miscelazione dei colori RYB, RGB e CMY(K) per i colori acrilici.

A parte il sistema cromatico RGB, che può essere applicato quando si utilizzano colori di interferenza, ho deciso di concentrarmi sulle differenze tra il sistema standard (RYB) e il modello CYM(K), poiché la miscelazione dei pigmenti è fondamentalmente un modello di miscelazione sottrattiva.

Tuttavia, con il tempo ho imparato che il sistema RYB da solo non è sufficiente a coprire tutte le possibilità della tavolozza dei colori, anche se è importante come punto di partenza. Con questo sistema è possibile ottenere colori scuri e talvolta desaturati, indipendentemente dal blu o dal rosso utilizzato.

Il modello CMY(K), invece, è ottimo se si vogliono ottenere colori più chiari. Ho fatto alcune prove sostituendo il rosso con il magenta e il blu con il ciano (con un colore turchese) e ho ottenuto i seguenti risultati:

  • A seconda della tonalità di rosso, blu o giallo utilizzata, si possono ottenere diverse sfumature di arancione, verde o viola o colori completamente inaspettati. In questo caso, è necessario considerare anche la cosiddetta "forza tintoriale dei colori". In questo caso, la miscela tende verso la tonalità del colore dominante ed è necessario utilizzare una quantità maggiore dell'altro colore per andare nella direzione opposta (ad esempio, 1 parte di rosso e 3 (o più) parti di giallo per ottenere un arancione giallastro). Per saperne di più, consultate il video Quick Tip 290 - Color Strenght di Dianne Mize "In The Studio Art Instruction".

  • Se si sostituisce il rosso con il magenta, si possono ottenere toni arancioni più rosati o più viola.

  • Se si sostituisce il blu con il turchese, si ottengono tonalità più chiare di viola.

  • Se si usa il rosso, si possono ottenere toni arancioni più chiari o toni viola più scuri e confusi.


Dopo questo esperimento, ho capito che ci sono più alternative per i colori primari, a seconda delle nostre esigenze, e che possiamo ottenere più variazioni di viola, arancione e verde sostituendo uno o due dei classici colori primari.


Spero di avervi ispirato a sperimentare e trovare nuovi colori.


Grazie per aver letto. Se vi piace il post, lasciate un like, un commento e non dimenticate di seguire il mio blog e Instagram e di condividere il contenuto sui vostri social media.


Buona giornata colorata e creativa!


Laura


コメント

5つ星のうち0と評価されています。
まだ評価がありません

評価を追加
bottom of page