top of page

Verde, il colore della natura, della speranza, dell'invidia e del denaro.

Aggiornamento: 20 mag


Green leaf
Image by Pixabay on pexels.com

Questa è l'ultima tappa del mio viaggio sulla ruota dei colori e sarà dedicata al verde, il colore della speranza, della natura e della ricchezza.


Il colore verde ha una lunghezza d'onda compresa tra 500 e 565 nanometri e può essere sia un colore secondario dalla combinazione del giallo con il blu o il ciano nei sistemi di miscelazione dei colori CMY(K) e RYB, sia un colore primario (insieme al blu e al rosso) nel sistema di miscelazione dei colori RGB.


Come sempre vi parlerò dell'origine del nome del colore, del suo significato in psicologia, dei pigmenti e delle più importanti tonalità di verde.


Da dove deriva il nome del colore "Verde"?

Nella maggior parte delle lingue germaniche il termine "verde" deriva da una parola che significa "erba" o "crescere". Nelle lingue romanze, come l'italiano o il francese, la parola originale è il termine latino "viridis", da cui sono derivati i termini "verde" e "vert".


Che significato ha il colore verde in psicologia?

Il verde è solitamente associato alla natura, alla vita, alla salute, alla ricchezza e alla conoscenza. Essendo il colore che nasce dall'unione del giallo e del blu, è un colore equilibrato che contiene energia mitigata dalla calma del blu.

È un colore strettamente legato alla natura e al suo risveglio dopo la stagione fredda. Seguendo questa prospettiva e tutti i sentimenti positivi originati dalle aspettative per le stagioni a venire, il verde è diventato il colore della speranza.

Il verde può anche avere un significato negativo se collegato all'avidità, alla gelosia e a tutto ciò che è considerato convenzionale. Scopri di più.


Quali sono i principali pigmenti verdi?

I pigmenti verdi, indicati con la sigla PG nel Color of Art Pigment Database, sono solitamente prodotti utilizzando materie prime contenenti rame. Oggi i pigmenti verdi sono prodotti in forma sintetica e i più importanti sono:


  • Phthalocyanine Green (PG7) (Blue Shade). È un pigmento sintetico contenente atomi di cloro derivato dal pigmento Phthalo Blue (PB15) ed è lo standard utilizzato per gli acrilici verdi.

  • Phthalocyanine Green (PG36) (Yellow Shade). Simile al pigmento PG7 È un pigmento sintetico contenente atomi di cloro derivati dal pigmento Phthalo Blue (PB15) con una piccola parte di bromo per ottenere la tonalità gialla.

  • Verdigris (PG20), è un pigmento a base di rame il cui nome deriva dal colore della patina che si forma su rame, bronzo e ottone durante il processo di invecchiamento. È anche considerato una tonalità ciano/turchese.

  • Malachite (PG39), una pietra la cui polvere, mescolata con uova, veniva usata da Cleopatra nell'Antico Egitto per colorare le palpebre.

  • Green Earth (PG23), un pigmento naturale utilizzato come sostituto della malachite.

  • Viridian (PG18), un pigmento blu-verde scuro creato nel XIX secolo, il cui nome deriva dalla parola latina che significa "verde".

  • Verde Smeraldo (PG21) (detto anche Verde di Parigi o Verde di Scheele), è un pigmento sintetico e altamente tossico a causa del suo contenuto di arsenico.

  • Chrome Green (PG17)


Quali sono le tonalità di verde più comuni?



Le tonalità di verde possono variare da toni più bluastri (blu-verde/turchese) a toni più giallastri (giallo-verde) o terrosi (verde terra).


Verde giallastro

Il verde giallastro è un colore composto dal 50% di verde e dal 50% di giallo. È un colore terziario e il suo complementare è il rosso-violetto. A volte viene chiamato verde lime o chartreuse. (Si veda anche il mio precedente post sul colore giallo).


Chartreuse

Il colore "Chartreuse" deve il suo nome al liquore francese, prodotto dai monaci delle montagne francesi della Chartrusia, chiamato "chartreuse verde". Il colore chartreuse simboleggia accettazione, distinzione, allegria, immaginazione.


Lime

Il lime è un'altra tonalità giallo-verde, il cui nome deriva dall'agrume chiamato allo stesso modo. A volte è chiamato anche giallo-verde, lemon-lime (una tonalità fluorescente color chartreuse), verde lime o bitter lime. Altre varianti sono Bright lime, Arctic-lime, Peridot, Volt, Electric lime e French lime.


Verde ftalo (tono blu PG7 e tono giallo PG36)

Il verde ftalo è il verde standard nelle forniture artistiche. Si tratta di un pigmento organico sintetico della famiglia dei pigmenti di ftalocianina, introdotto nel 1938 come sostituto del più velenoso pigmento Verde smeraldo. Scopri di più.


Verde viridiano (PG18)

Il verde viridiano (ossido di cromo idrato) è un pigmento atossico di colore verde intenso con una sfumatura bluastra. Il nome deriva dalla parola latina "viridis" che significa verde, fiorito, vigoroso. Fu prodotto per la prima volta nel 1838 dai francesi Pannetier e dal suo assistente Binet ma, a causa degli alti costi di produzione, iniziò a essere utilizzato regolarmente a partire dal 1858, quando Guignet brevettò un metodo di produzione più economico. Scopri di più.


Verde smeraldo (PG21)

Il Verde Smeraldo, conosciuto anche con i nomi di Verde di Schweinfurt, Verde di Parigi e Verde Veronese, era una delle alternative al verde viridiano ma, a causa del suo contenuto di arsenico, uno dei più pericolosi e mortali pigmenti utilizzati nell'arte.

È stato prodotto a partire dal 1814 e gli ingredienti principali erano il Verdigris di rame riscaldato, l'aceto, l'arsenico bianco e l'olio di lino. Poi, verso la fine del XIX secolo, vennero alla luce le conseguenze mortali dovute all'uso di questo pigmento. Il pigmento originale fu vietato alla fine del XIX secolo e oggi è stato sostituito da una miscela di verde ftalo e altri pigmenti. Scopri di più.


Verde ossido di cromo (PG17)

Il verde ossido di cromo (o verde cromo) è il pigmento verde più stabile. È un pigmento inorganico, ottenibile dal minerale Eskolaite, che viene prodotto sinteticamente dal 1838. È molto apprezzato dagli artisti perché può creare una meravigliosa e ampia gamma di verdi. Scopri di più.


Verde linfa

Il verde linfa (a volte Viridian), un colore giallo-verde, è un pigmento lacustre ottenuto originariamente dal succo delle bacche acerbe della pianta dell'olivello spinoso (Rhamnus). Ridotto a uno sciroppo pesante e venduto in vesciche di maiale piuttosto che come pigmento secco, era molto apprezzato dagli artisti dell'acquerello nel XVII e XVIII secolo. Oggi viene prodotto sinteticamente e si trova anche in altri tipi di pittura. Scopri di più.


Verde cobalto (PG19)

Il verde cobalto, un pigmento a base di ossido di zinco, è un verde-bluastro semitrasparente e brillante, con un basso potere colorante, scoperto dal chimico svedese Sven Rinman nel 1780. Ha iniziato a essere ampiamente utilizzato dopo il 1860, quando l'ingrediente principale, lo zinco, è diventato più disponibile. Il verde cobalto è spesso considerato una terza alternativa verde al verde ftalo e al verde ossido di cromo. Scopri di più.


Verde di Hooker

Il verde di Hoooker è un verde ottenuto dalla miscela di gamboge, un giallo ricavato dalla linfa di un albero deciduo, e blu di Prussia. È un verde particolare, con sfumature da marroni a grigiastre, ma allo stesso tempo è un verde ricco simile a quello delle foglie di melo. Il colore prende il nome dall'illustratore botanico William Hooker, che lo scoprì durante i suoi studi sulla flora e la fauna di Londra e dei suoi sobborghi. Scopri di più.


Considerazioni finali.

Questa è stata la mia ultima tappa del nostro viaggio alla scoperta della ruota dei colori. Come abbiamo visto, il verde è un colore sfaccettato, con sfumature meravigliose, che dietro un'anima pacifica, spirituale e legata alla natura nasconde un passato più oscuro (a volte mortale). Il verde è il vostro colore preferito?


Grazie per aver letto. Se il post vi è piaciuto, lasciate un like, un commento e non dimenticate di seguire il mio blog, Instagram e Threads e di condividere i contenuti sui vostri social media.


Nei prossimi post darò un'occhiata ai colori acromatici bianco, grigio e nero.


Fino ad allora vi auguro una buona giornata creativa!


Laura

Kommentare

Mit 0 von 5 Sternen bewertet.
Noch keine Ratings

Rating hinzufügen
bottom of page