top of page

Tonalità, croma, chiari, scuri & Co.: Terminologia del colore nella Teoria del Colore

Aggiornamento: 5 giorni fa

Nei miei precedenti post sulla teoria del colore, ho parlato dei diversi modelli di miscelazione (RGB, RYB e CYM(K)) per capire come possono essere creati i diversi colori e, nel contesto della tecnica di colata dell'acrilico, perché i colori a volte tendono a neutralizzarsi od opacizzarsi quando vengono mescolati.


In questo post e nel prossimo vorrei fare un passo indietro nella teoria del colore e parlare del termine colore, di tutte le sue proprietà, della terminologia ad esso collegata e di come possiamo usarlo per creare meravigliose tavolozze di colori.


Che cos'è il colore? Una definizione.

Il colore è la rappresentazione visiva di ogni singolo componente della luce che risponde ad una specifica lunghezza d'onda. Ad ogni lunghezza d'onda corrisponde un colore ed è anche il modo in cui i nostri occhi percepiscono l'ambiente e gli oggetti che ci circondano, a seconda di come ogni oggetto assorbe e riflette la luce.


Queste sono le singole lunghezze d'onda.

  • Viola - lunghezza d'onda 380-435 nm

  • Blu - lunghezza d'onda 450-495 nm

  • Ciano - lunghezza d'onda 485-500 nm

  • Verde - lunghezza d'onda 500-575 nm

  • Giallo - lunghezza d'onda 575-585 nm

  • Arancione - lunghezza d'onda 585-650 nm

  • Rosso - lunghezza d'onda 650-750 nm


Terminologia e proprietà del colore nella teoria del colore

Ogni colore può essere spiegato/descritto come un concetto 3D risultante dall'interazione delle seguenti dimensioni: Tinta, valore tonale e saturazione.



Ruota cromatica con diverse mescolanze
Ruota cromatica con diverse mescolanze


Tonalità/Tono/Tinta

La tonalità (detta anche tono o tinta) è il colore puro o il pigmento puro senza l'aggiunta di bianco o nero. Corrisponde ai colori di base della ruota dei colori o dell'arcobaleno: giallo, arancio, rosso, viola, blu, verde e i colori intermedi giallo-arancio, rosso-arancio, rosso-violetto, blu-violetto, blu-verde, giallo-verde.

Il bianco, il grigio e il nero sono considerati colori neutri e non colori (no-hues).


Croma di un tono o tonalità di colore

Il termine croma è strettamente associato al tono del colore e misura la purezza di un colore. Il massimo grado di croma si ottiene quando a un colore non vengono aggiunti bianco, grigio o nero. I gradi intermedi e inferiori di croma si ottengono desaturando la tonalità con l'aggiunta di bianco, grigio e nero.


Il valore tonale

Il valore tonale è una misura della luminosità di un colore. Il valore di un colore può essere modificato aggiungendo bianco (tonalità chiare) o nero (tonalità scure).


La saturazione

La saturazione è la misura dell'intensità di un colore, anche in base alla quantità di grigio contenuta. A volte la saturazione di un colore viene descritta anche con i termini purezza o ricchezza.

La saturazione di un colore può essere modificata mescolando il bianco, il grigio, il nero o il suo complementare.


Dall'interazione di tinta, valore e saturazione possiamo avere tre diverse possibilità:


Tinta, quando mescoliamo il bianco.

In questo caso, si ottengono versioni più chiare (ma non più brillanti) dei colori, note anche come colori pastello. Il tono del colore rimane lo stesso, ma l'aggiunta del bianco lo desatura. Poiché il bianco ha un forte potere colorante, quando si creano le sfumature si deve partire dalla tonalità e aggiungere gradualmente il bianco fino a ottenere il colore desiderato.

Attenzione: in italiano con il termine "tinta" si intende anche ciò che in inglese è tradotto come "hue", ossia il colore puro.


Valori Tonali, quando mescoliamo il grigio (colore neutro).

In questo caso, la luminosità dei colori viene ridotta desaturando il colore, rendendolo più piacevole da vedere. Poiché il grigio ha un forte potere colorante, si deve partire dalla tinta e aggiungere gradualmente il grigio fino a ottenere il colore desiderato. Una volta aggiunto il grigio, è impossibile tornare alla luminosità originale. La luminosità dei colori dipende dalla quantità di bianco o di nero utilizzata per il grigio.


Scuri (o sfumature), quando mescoliamo il nero.

In questo caso, si ottengono versioni più scure dei colori, ma il colore stesso rimane invariato. Il tono del colore può variare da una tonalità chiara a una tonalità scura (quasi nera).

Poiché il nero ha un forte potere colorante, è opportuno creare delle sfumature partendo dalla tonalità e aggiungendo gradualmente il nero fino a ottenere il colore desiderato.


In sintesi, l'analisi delle tinte e delle sfumature è correlata al valore o alla luminosità di un colore mantenendo la tonalità costante. Al contrario, l'analisi dei toni è legata al modo in cui cambia la purezza del colore quando viene desaturato.


Termini utilizzati per descrivere il valore e la saturazione dei toni di colore.

Di seguito è riportato un elenco dei termini più frequentemente utilizzati per definire il valore e la saturazione dei toni di colore. Alcuni di questi termini possono essere utilizzati anche in aggiunta alla tinta stessa.


  • Brillante: sta per alta luminosità o alta saturazione.

  • Puro, audace, vivido, ricco: tutti termini che indicano un'alta saturazione.

  • Pallore, opacità: è una misura della desaturazione (al contrario della luminosità). A volte il termine "pallido" si trova insieme al nome del tono di colore (ad esempio: giallo pallido).

  • Luminosità: simile al termine "luminosità", descrive un colore con alta luminosità, ma a differenza di questo, descrive un colore con bassa saturazione.

  • Oscurità: l'opposto della luminosità, cioè un colore con bassa luminosità. Il termine "scuro" si trova solitamente prima del tono di colore.

  • Profondo, reale: si usa per descrivere l'oscurità e/o l'alta saturazione di un tono di colore; non ha nulla a che vedere con la profondità del colore.

  • Pastello: si usa per descrivere colori con alta luminosità e bassa saturazione. Il termine pastello viene solitamente utilizzato insieme al nome del colore (ad esempio, blu pastello, rosso pastello, ecc. ....).

  • Neon: luminoso come il bagliore delle luci al neon.

  • Fluorescente: molto luminoso, a volte molto saturo. Prende il nome dall'effetto fluorescente di pigmenti e coloranti quando vengono osservati alla luce UV.


Potere colorante

Il potere colorante è la capacità di un colore di mantenere la propria tonalità quando viene mescolato con il bianco o con un altro colore. Questa proprietà dipende da tre aspetti:


  1. il tipo di pigmento

  2. la quantità di pigmento contenuta nella vernice

  3. la finezza del pigmento contenuto nella vernice.


Il potere colorante è spesso indice di vernici acriliche di alta qualità, poiché la quantità di pigmenti contenuti è molto elevata.


Tipo di pigmento

Non tutti i pigmenti hanno la stessa forza colorante. I pigmenti rossi, ad esempio, sono molto più forti di quelli gialli, quindi è necessaria una quantità maggiore di giallo per ottenere un colore arancione.


La quantità di pigmento contenuta nella vernice

Il secondo aspetto è la quantità di pigmento contenuto nella vernice. Maggiore è la quantità, più forte è la colorazione. Questo è anche uno dei motivi per cui i colori acrilici più economici a volte appaiono troppo trasparenti o incolori sulla carta.


La finezza del pigmento contenuto nella vernice

Infine, la finezza del pigmento gioca un ruolo importante. Quanto più fine è il pigmento, tanto meglio la pittura può mantenere il suo potere colorante ed essere applicata in modo ricco e vibrante sulla carta o su qualsiasi altra superficie.


Temperatura del colore e tendenza cromatica: toni caldi o freddi

Altri due termini molto importanti nella scelta di una particolare tavolozza di colori sono la temperatura del colore e la tendenza cromatica.


Temperatura del colore

Il primo termine, la temperatura del colore, è un parametro che determina il modo in cui percepiamo un colore. In questo contesto, per ogni colore esistono toni caldi e freddi.

La temperatura di colore dipende anche dalla posizione del colore sulla ruota dei colori. Normalmente, i colori dello spettro giallo, arancione e rosso sono considerati caldi, mentre quelli dello spettro verde, blu e viola sono considerati freddi.


Tendenza cromatica (colour bias)

Il secondo termine, la tendenza cromatica (colour bias), descrive la tendenza di un colore verso un altro colore e può anche essere un'indicazione della temperatura del colore. Ad esempio, esistono varianti rossastre o verdastre del blu ftalo in base ai pigmenti utilizzati per creare il colore.

Per scoprire la tendenza del colore, un metodo consiste nel vedere la tinta del colore (cioè il colore mescolato con il bianco).


Interazione tra temperatura di colore e tendenza cromatica

Come già scritto, di solito per ogni colore primario esiste una tonalità fredda e una calda, che può essere spiegata dalla distorsione del colore:


  • Il giallo può tendere al verde o al rosso. Il giallo limone, ad esempio, è un giallo verdastro (tono freddo), mentre il giallo primario è più rossastro (tono caldo).

  • Il rosso può tendere al giallo o al blu. Il rosso-arancio, ad esempio, è un rosso giallastro (tono caldo), mentre il magenta o il rosso-viola tendono ad essere toni freddi.

  • Il blu può tendere al rosso o al verde. Il blu oltremare, ad esempio, è un rosso (tono caldo), mentre il blu ftalo è più un blu verdastro (tono freddo).


Questo aspetto della distorsione cromatica è particolarmente importante quando si pensa ai colori complementari: se un colore tende al suo complementare e viene mescolato con esso (ad esempio, un giallo rossastro e un blu verdastro), si ottiene un verde fangoso invece di un verde brillante. In altre parole, se si vogliono ottenere colori vivaci, è importante mescolare colori con la stessa distorsione o temperatura cromatica.


Questo è anche uno dei motivi per cui a volte si ottengono colori confusi o spenti quando si versa: Se si scelgono colori complementari tra loro (sia per la distorsione del colore che per la posizione sulla ruota dei colori), durante lo spostamento della tela si possono ottenere colori neutri a causa del processo di miscelazione che ne deriva.


Terminologia nella teoria del colore

Modelli di miscelazione dei colori

Come spiegato nel mio precedente post sui diversi modelli di miscelazione dei colori, i colori possono essere miscelati in modo additivo, ovvero possiamo riprodurre la luce reale sommando le rappresentazioni numeriche dei colori componenti, o in modo sottrattivo, ovvero i colori degli oggetti sono solitamente riprodotti da pigmenti o tinte.

Nei modelli sottrattivi, le singole lunghezze d'onda della luce vengono parzialmente assorbite da diverse sovrapposizioni e ciò che emerge è il colore che percepiamo.

Il modello di miscelazione additiva più importante è il modello RGB; i modelli di miscelazione sottrattiva più importanti sono RYB e CMY(K) (per la stampa).



Modelli di miscelazione del colore


Classificazione dei colori

Colori cromatici vs non cromatici vs acromatici

Una prima classificazione va fatta tra colori cromatici, non cromatici e acromatici.

  1. I colori cromatici sono colori in cui predomina una particolare tonalità. Sono fondamentalmente i colori (puri) sulla ruota cromatica, cioè giallo, arancione, rosso, violetto (porpora), blu (indaco), blu (ciano) e verde. I colori cromatici sono quelli suddivisi in colori primari e secondari.

  2. I colori acromatici (chiamati anche non colori o colori neutri) sono colori che non hanno tonalità e sono anche considerati insaturi, quasi neutri o neutri. Ci sono due sottogruppi:

  • I colori quasi neutri includono i marroni, i colori pastello (come il rosa) e i colori più scuri. I colori di questo gruppo si ottengono mescolando i colori puri con il bianco, il nero o il grigio oppure mescolando due colori complementari. A volte queste tinte, toni e sfumature di colori puri (cromatici) sono considerati colori non cromatici.

  • I colori neutri puri includono il nero, il bianco e tutte le sfumature del grigio.


Colori primari

I colori primari sono colori che non possono essere ottenuti da altre miscele.

  • Nel modello RYB (sottrattivo), i colori primari o assoluti sono: rosso, giallo, blu.

  • Nel modello RGB (additivo), i colori primari o assoluti sono: rosso, verde, blu.

  • Nel modello CMY(K) (sottrattivo), i colori primari o assoluti sono: ciano, magenta, giallo


Colori secondari

I colori secondari sono definiti come colori creati dalla miscelazione dei colori primari.

  • Nel modello RYB (sottrattivo), i colori secondari sono: viola (rosso+blu), arancione (rosso+giallo) e verde (giallo+blu).

  • Nel modello RGB (additivo), i colori secondari sono Giallo (rosso+verde), viola (blu+rosso) e ciano (verde+blu)

  • Nel modello CMY(K) (sottrattivo), i colori secondari sono: viola (magenta+ciano), arancione (magenta+giallo) e verde (giallo+ciano).


Colori terziari

I colori terziari sono colori creati mescolando un colore secondario con parte di un colore primario (giallo-verde, rosso-arancio, blu-violetto, giallo-arancio, blu-verde, rosso-violetto).

Poiché i colori terziari sono il risultato della miscela di tutti e tre i colori primari, di solito perdono luminosità e saturazione e vengono etichettati come colori opachi.


Colori opachi

I colori opachi sono colori che si collocano nell'intervallo nero-grigio-bianco, in quanto vengono neutralizzati o mescolando colori complementari (giallo+violetto, rosso+verde, blu+arancio) o mescolando due colori primari con il nero.

Nel primo caso, i colori opachi vengono etichettati come "opachi variegati" e tendono ad avere toni caldi; nel secondo caso, i colori opachi vengono etichettati come "opachi neri" e tendono ad avere toni freddi.


Colori compositi

I colori composti sono colori creati mescolando colori primari, secondari o terziari in rapporti diversi. Il marrone è considerato un colore composito.


Considerazioni finali

Questa è stata la mia breve panoramica dei concetti principali della teoria del colore. Mi ha insegnato che il colore è un argomento più complesso che a volte viene sottovalutato, e spero di avervi dato un po' più di chiarezza.


Nel prossimo post parlerò di come creare le nostre tavolozze di colori.


Grazie per aver letto. Se vi piace il post, lasciate un like, un commento e non dimenticate di seguire il mio blog, Instagram e di condividere il contenuto sui vostri social media.


Vi auguro una giornata creativa e colorata!


Laura


Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page